Con quella faccia un po' così...
Andare restando

Perché la gente emigra? Perché un essere umano, nato e cresciuto in un determinato paese, a un certo punto della sua esistenza sente il bisogno di emigrare? Perché lasciare la propria terra madre, i ricordi, le amicizie, i familirari, la quotidianità del luogo, per raggiungere dei luoghi sconosciuti, lontani, spesso anche ostili e poco accoglienti?

Di certo il bisogno di girovagare è un'esigenza che si manifesta nell'umanità dalla notte dei tempi. Fonda le sue radici dalla necessità di conoscere il mondo, esplorare nuove culture, imparare lingue, perché tutto quello che è nuovo desta curosità e voglia di sapere e scoprire, ma anche dal fatto di andare alla ricerca di un futuro migliore, di un territorio fertile dove poter trovare un'adeguata situazione socio economica per affermare le propire competenze professionali e caratteristiche personali.

Analizzando attentamente questo fenomeno, specialmente in Italia, siamo di fronte a delle vere e proprie diaspore accademiche, professionali ma anche esistenziali.


Cosa più significante ci si accorge che queste decisioni, di emigrare ed evadere appunto, vengono continuamente contraddette dal desiderio di tornare.

L'attaccamento alla terra che abbiamo noi Italiani, specialmente meridionali, a volte rivela delle sembianze quasi morbose. Si cerca sempre il passato e il ritorno alle origini per poter vivere meglio il presente e il futuro, come se da essi si riuscisse a trovare linfa vitale per affermarsi nella terra straniera in cui si è approdati. Un rapporto masochista, perché quando si riconoscono i limiti e le avversità di una società spesso immobile e trasandata che si è giustamente abbandonati, che senso ha cercare di poter o dover tornare?

La nuvola (Cos'è?)
 


Informazioni su questa pagina
titolo:"Andare restando"
autore: Daniele D'Agostino
data di pubblicazione: 10.12.2015
ultimo aggiornamento
10.12.2015
codice di riferimento:
IICA1512101400MAN
A2
     
I CAFFE' CULTURALI
sito sperimentale del Dipartimento per lo Studio della Linguistica e dell'Italianistica della società INFOGESTIONE

Questo sito è di proprietà della società INFOGESTIONE di Gian Stefano Mandrino & C. s.a.s.
sede legale: via Bardonecchia, 93 - 10139 - Torino - Italia -
tel.: 0039 - 011 - 3835724
Partita IVA/Codice Fiscale: 07241240014 - REA: 876784

http://www.infogestione.com
- infogestione@infogestione.com
Proprietà intellettuale della società INFOGESTIONE s.a.s.: tutti i diritti sono riservati.