Parole & società
La forza delle parole

Giorni fa mi trovavo su una linea della metropolitana milanese e ho assistito, attonita, a una chiacchierata tra due adolescenti. Tre cose mi hanno colpito in particolare: la ripetitività ossessiva, quasi parossistica, di alcuni intercalari, la difficoltà ad esprimere dei brevi pensieri, l’incapacità di costruire una sia pur semplice impalcatura dialogica. I due ragazzi, tra un bella-fratello, un  cioè , un “tipo” e un c… e un f… si parlavano addosso, sovrapponendosi l’un l’altro e ignorando le più basilari norme di interazione. Se non si fossero serviti di energiche pacche sulle spalle e di fraterni spintoni, tra i due ci sarebbe stato un dialogo tra sordi.

Mala tempora –  mi son detta - per lemmi e vocaboli della nostra lingua! Riscontro, nella mia esperienza quotidiana, una leggerezza, nell’uso delle parole, che ha delle insospettabili ricadute nella vita delle persone. In realtà, le parole sono importanti. Sono, come diceva Galileo, strumento di pensiero. Hanno molteplici funzioni. Servono  ad esprimere sensazioni, servono a raccontare e a raccontarsi. Servono a descrivere la realtà, ma anche a trasformarla. Diffondono e producono conoscenze.


La cura delle parole è, quindi, essenziale. Essa, per un verso, allarga la mente, per l’altro, ci aiuta a riconoscere e a dominare le nostre emozioni. Ho notato che i ragazzi violenti, spesso, possiedono strumenti linguistici molto poveri, non fanno uso della metafora e dell’ironia, adottano una scarsa aggettivazione, mentre ricorrono il più delle volte a luoghi comuni per argomentare le loro tesi. Sono privi di capacità narrativa e soffocano, anziché raccontarle, le proprie emozioni. La qual cosa induce, come in una spirale perversa, a comportamenti violenti. Il parlare scorretto, dunque, non è solo cosa sconveniente, ma fa male – come suggerì Socrate in punto di morte – all’anima.

Non mi stanco mai di far notare ai miei studenti, attraverso esemplificazioni, come i totalitarismi, invece, abbiano consolidato la propria forza sulla manipolazione delle parole. La forza del fascismo si è fondata infatti sulla costruzione di frasi fatte, sulla loro ripetizione ossessiva e sull’accettazione meccanica e inconscia di esse da parte delle masse.

Ma veniamo ai giorni nostri. Per anni siamo stati tormentati da slogan che, a poco a poco, hanno creato una cultura. Un’intera generazione se n’è nutrita e – ahimè – continua a nutrirsene. Ne cito alcuni dei più ricorrenti, molto diffusi fino all’altro ieri: L’Italia è una repubblica giudiziaria, Siamo il governo del fare, Evviva il partito dell’amore; e ancora, tra quelli più contemporanei, in perfetta continuità con i precedenti: Prendiamo a braccetto il futuro, Lasciamoci accarezzare dalla speranza, Emergiamo dalla palude. È difficile, purtroppo, resistere all’incanto e alla seduzione dei luoghi comuni. Il ricorso incessante a metafore forti e a slogan iperbolici è una strategia persuasiva che ha il preciso scopo di indebolire e di cancellare la capacità critica, da parte della gente, di opporsi ai soprusi e alle prevaricazioni. Si tratta di prendere a prestito poche parole, manipolarle e spararle come proiettili. Sarà anche questo il segreto di tanta gloria e di tanti fasti di un passato ancora pericolosamente recente? Questo non è che un esempio. Che fare allora? Rinforzare, irrobustire, corroborare il pensiero critico e, come misura prudenziale – non si sa mai – ripristinare un uso più metodico e sistematico della grammatica e del dizionario!


Informazioni su questa pagina
titolo:"La forza delle parole"
autrice: Annalisa Martino
data di pubblicazione: 26.01.2015
ultimo aggiornamento
26.01.2015
codice di riferimento:
IICA1501261251MAN
     
I CAFFE' CULTURALI
sito sperimentale del Dipartimento per lo Studio della Linguistica e dell'Italianistica della società INFOGESTIONE

Questo sito è di proprietà della società INFOGESTIONE di Gian Stefano Mandrino & C. s.a.s.
sede legale: via Bardonecchia, 93 - 10139 - Torino - Italia -
tel.: 0039 - 011 - 3835724
Partita IVA/Codice Fiscale: 07241240014 - REA: 876784

http://www.infogestione.com
- infogestione@infogestione.com
Proprietà intellettuale della società INFOGESTIONE s.a.s.: tutti i diritti sono riservati.