Auguri di buon presepe

di Gian Stefano Mandrino

Per quanrantaquattro anni ogni otto dicembre aveva allestito il suo presepe, ma dopo la morte del suo congiunto quella scena perdeva di anno in anno parti, strutture, figure, atmosfere sino a ridursi ad un bue, un asinello, Maria, Giuseppe e Gesù in fasce. Così era andata la sua vita di figlia, di moglie e di madre esemplare; così stava terminando, come una maledizione, come la storia di Giobbe, come il decorso inarrestabile di una malattia: via la gioventù, gli affetti di una vita intera, i riferimenti di un intorno sempre più vorticoso, criptico e violento per quegli occhi che pure avevano visto così tanta vita.

Non si era ancora accorta, però, del miracolo.

Provate a togliere ogni cosa al vostro presepe, ad eccezione di Maria, di Giuseppe e del loro bambino. Ciò che resta siete voi, che, come l'anziana donna, con la vostra presenza ridate forma all'idea di Francesco, ritrovandovi a recitare la parte principale in scena. Siete diventati l'unico scopo di una dolorosa incarnazione, senza mediazione, senza strutture, per divina volontà, solo voi, loro e lui, sceso solo per voi, come un dono, come un bisogno, così tenero, così piccolo, così indifeso, così come voi.

Permettetemi in questi drammatici momenti, in cui nelle vite di molti, come nel presepe della vecchia donna, svaniscono le sicurezze, si pagano i fallimenti con il proprio sangue, e non certo solo in modo metaforico, in cui ci si vergogna di scoprirci poveri e bisognosi di tutto, e principalmente della propria autostima, in cui si dispera del futuro, in cui i poveri non sono più gli altri ed avvertiamo sul nostro fallimento il giudizio di chi ci circonda, come un tempo facevamo noi, forse, un augurio. In questa ora in cui regna l'incredulità e l'urlo, l'incertezza e l'angoscia, la rabbia ed il tormento, auguro a tutti noi di ritrovarci, come la nostra vecchia, a tu per tu con il miracolo, innanzi a quella presenza, a cui non importa se non si posseggano più i soldi per il mutuo e non ci si riconosca neppure più allo specchio.

Auguro a tutti noi la solitudine al cospetto della vita, come unici in tutto il creato, così perfetti nella nostra prostrante imperfezione, così prigionieri, affamati, assetati, derisi, oltraggiati, vittime, malati, fuggitivi, colpevoli, ultimi, da essere cercati da due braccine d'infante, che anelano il nostro grembo ed un po' di calore anche per quegli umani, non meno derelitti di noi, che tanto tempo fa accettarono Dio perché tutti fossimo da Lui considerati come la sua unica missione ed i destinatari del suo sentimento.

Permettetemi di non augarvi riprese economiche da sogno americano, PIL impennati come motorini truccati di borgata, ma di trovarci soli davanti ad un bambino, ad una porta, ad un passaggio, ad un'idea, ad un sentimento, ad un dubbio, ad una fiaba, ad un sogno, senza più la necessità di procrastinare il meglio di noi, ma certi, meravigliati e felici di essere accettati, voluti, importanti, unici, amati: tutti ed ognuno.

Vi auguro di crederci. Vi auguro di credervi così, vicendevolmente.

Forse stiamo vivendo la nostra occasione migliore.

Buon presepe a tutti!


Informazioni su questa pagina
titolo:"I musei al caffè".
data di pubblicazione: 27.09.2013
ultimo aggiornamento
23.12.2013
codice di riferimento:
I130927.1112.dli.AP.man
autore: Gian Stefano Mandrino

Dell'autore in questo sito
"Un sito di parole per le parole"

"Tra parola e società"
"I due cavalli e l'auriga"
"Il perché ed il percome"
"Percezione, comprensione, giudizio e pregiudizio"
"Signore e Signori: la Morte"
"Violenza e comprensione"
"Egografia"
"Mistero mistico"
"Giornali"
"Crocifisso"
"Cannocchiale?"
"Scusa, ho sbagliato, colpa mia"
"Stato"
"Recensione"
"I musei al caffè"
"Auguri di buon presepe"
"In itinere intellegere"
"|  |   |  |
I CAFFE' CULTURALI
sito sperimentale del Dipartimentoper lo Studio dell'Italianistica della società INFOGESTIONE

Questo sito è di proprietà della società INFOGESTIONE di Gian Stefano Mandrino & C. s.a.s.
sede legale: via Bardonecchia, 93 - 10139 - Torino - Italia -
tel.: 0039 - 011 - 3835724
Partita IVA/Codice Fiscale: 07241240014 - REA: 876784

http://www.infogestione.com
- infogestione@infogestione.com
Proprietà intellettuale della società INFOGESTIONE s.a.s.: tutti i diritti sono riservati.