Il libro sul tavolino
Nessuno lo farà per te
di Daniele D'agostino

 
   


Daniele D'Agostino



Nessuno lo farà per te

ISBN 978-88-6680-062-0


I LIBRI DI EMIL
www.ilibridiemil.it

Il libro sul tavolino è:

"Nessuno lo farà per te".

Nato dalla penna di Daniele D'Agostino per i tipi de "I libri di Emil", il romanzo narra di Mauro e di Elena.
Lui, dalle vaghe aspirazioni, collaboratore di una rivista, è tornato nella sua città natale, Palermo, e dalla sua famiglia, dopo un periodo trascorso a Parigi, convivendo con una ragazza, che, malgrado la separazione voluta da lui improvvisamente, gli rimarrà a lungo nel cuore.
Lei, Elena, è una donna non più giovanissima, curatrice di mostre ed anch'ella segnata da una disastrosa convivenza amorosa.
I due, Mauro ed Elena, si conosceranno attraverso Facebook e tra di loro scatuirà un'attrazione così forte da far dimenticare il nuovo amore italiano di Mauro.
L'opera descrive perfettamente una condizione dilagante e sovente, anche se forse inconsapevolmente, agognata tra i giovani, sospesi tra l'assenza di quesiti esistenziali e la tensione a vivere in modo drammatico ed eroico anche una carie ai denti e se questa non vi fosse, pronti a procurarsi l'impiccio, certi comunque del salvataggio in estremis della detestata famiglia di origine. Un mondo giovanile dove non vi è altro che il "mondo giovanile" ed oltre a questo nulla che possa rivestire importanza. Tutto è libero e superficiale come una "amicizia" su Facebook, nulla è profondo più della descrizione di una guida turistica. Tutto scivola veloce, tutto ruota attorno agli egoismi ed alla inutilità dei personaggi, alle sere da aperitivi e pub, all'uscire per uscire, forse per fuggire o fare parte del branco, in un continuo cinico mordi e fuggi. "Il dolore degli altri è un dolore a metà": così il poeta De André rende perfettamente l'idea di una condizione dove chi frantuma una relazione sentimentale, chi procura dolore non pensa al male causato, ma solo ed esclusivamente a quello che gli tocca patire per colpa degli altri. Questa cinica ed eccessiva volontà di protagonismo rende tale umanità reduce di se stessa.
Quanto descritto è intelligentemente espresso dal D'Agostino attraverso un insolito uso della persona narrante alla seconda singolare: quasi un imperativo kantiano, che obbliga i protagonisti, ed in particolare Mauro, ad essere succubi di un "ipotalamico"destino, tutto istinto e senso, tutto veloce, aleatorio, inconsistente, dove i personaggi si spostano per il mondo, mossi da ciò che per loro è il dramma del momento, ritenendolo l'unico degno di nota in tutto il globo terracqueo, in un immenso e perpetuo scenario da Erasmus universitario con maschi sciupafemmine e femmine lontane dalle tante battaglie per vedere riconosciuto il loro sacrosanto diritto all'autodeterminazione eistenziale. Questa inconsistenza è resa abilmente dal continuo cambiamento, corrispondente circa ad ogni capitolo, di prospettiva narrativa, in un palleggio espressivo, così efficace quanto faticoso, familiare a tutti coloro che utilizzano facebook, posta elettronica e chat contemporaneamente in un'orgia mediatica alienante.
Un'ultima caratteristica stilistica è definita e resa degna di osservazione dal sovente errato utilizzo dei codici linguistici, tipico dei soggetti obbligati ad esprimersi in breve tempo attraverso vari idiomi, che disimparano le proprietà espressive della madrelingua, originando un "grammelot" evolutivo di particolare interesse.
La vicenda si risolve con un finale così semplice quanto efficace: davanti alle stagioni della vita il protagonista, che dividerà sempre più la scena con gli altri, ridimensionerà il proprio egoismo e giungerà a contemplare soluzioni forse impensabili per lui all'inizio della vicenda.
Un libro intelligente, tenero, intenso, vero fino all'ingenuità, giovane sino all'improbabilità, saggio nel suo epilogo, che molto può insegnare a generazioni vecchie e nuove.

Gian Stefano Mandrino

 

ALL'AUTORE È STATO RISERVATO UN TAVOLINO PRESSO IL NOSTRO CAFFÈ:
CLICCATE QUI PER VISUALIZZARE L'INTERVISTA



Il forum del libro


Informazioni su questa pagina
titolo: "Il libro sul tavolino - Nessuno lo farà per te"
data di pubblicazione:
06/09/2013
ultimo aggiornamento:
06/09/2013

codice di riferimento:
I130727.1050.DLI.AP.man
autore:
INFOGESTIONE dli
"In itinere intellegere"
"|  |   |  |
I CAFFE' CULTURALI
sito sperimentale del Dipartimento per lo Studio dell'Italianistica della società INFOGESTIONE

Questo sito è di proprietà della società INFOGESTIONE di Gian Stefano Mandrino & C. s.a.s.
sede legale: via Bardonecchia, 93 - 10139 - Torino - Italia -
tel.: 0039 - 011 - 3835724
Partita IVA/Codice Fiscale: 07241240014 - REA: 876784

http://www.infogestione.com
- infogestione@infogestione.com
Proprietà intellettuale della società INFOGESTIONE s.a.s.: tutti i diritti sono riservati.